domenica 14 ottobre 2012

RED VELVET



La RED VELVET............ un dolce dal color rosso fuoco...il colore della passione e dell'amore.....dalla sua bontà senza confini, unica....divina.....capace di accendere la gioia dei piaceri dell'eros....dolce.....delicata...soffice eeeeeeee superbaaaaaaaaa, beh che dire, non esistono sinonimi per descrivere secondo me la prelibatezza di questa splendida torta e dai suoi effetti afrodisiaci :-) (almeno secondo la mia amica Grazia :D )...........su internet di ricette ce ne sono davvero una miriade, io ho preso spunto da tante, cercando di prendere il meglio di ciascuna di essa....... questa dose serve per circa 3 stampi di dm 24, preparatela con un anche due  giorni di anticipo, avvolta in un telo pulito e messo in un sacchetto tipo freezer ma grande, facendone una più grande mi è avanzato un pezzo piccolo e ho provato a conservarlo, dopo circa 8 giorni era ancora buono e morbido; molti dicono di farla raffreddare in frigo io sinceramente mi sono comportata come se fosse un comune pan di spagna, inoltre la colorazione rossa può essere tranquillamente sostituito con un altro colore in polvere oppure lasciata semplicemente bianca, io ne ho fatta un'altra di color blu in occasione del compleanno di mio figlio di 9 anni. La preparazione dei cigni e la creazione dei decori va fatta almeno una settimana prima ( dovrete essere sicuri che siano completamente asciutti e secchi),  la farcitura della torta, la copertura con pdz e le decorazioni con glassa va fatta la sera prima di doverla servire, infine per la decorazione con i decori vi consiglio poco prima di servirla in tavola, in quanto essendo molto sottili si ammorbidiscono quasi subito.  

BASE TORTA:
440 g di farina per dolci
110 g  di margarina o burro ammorbidito a temperatura ambiente
118 g di olio di semi (tipo olio cuore o colza o mais)
3 uova L
350 g di zucchero (max 400 g se piace più dolce)
9 g di sale 
3 bicchieri di yogurt alla vaniglia
1 bustina di lievito per dolci
2 cucchiaini di color rosso in polvere o una max 2 fialette di colorante liquido rosso
8 g di aceto di mele
8 g di bicarbonato

CREMA:
400 g di panna tipo hoplà
250 g di philadelfia possibilmente in panetti, in quanto più soda senza liquido in eccesso (questo è un mio    
          parere puramente personale)
250 g di mascarpone
1 bacca di vaniglia 
150 g di zucchero a velo

COPERTURA:
Pdz setosa clic x vedere procedimento
colorante rosa

CIGNI:
 (idea presa da un altro blog di cui non ricordo il nome, la cui autrice l'ha presa dal manuale di pasticceria e decorazioni,appena mi capita sott'occhio vi posto il suo link)
500 g di zucchero a velo
20 g di succo di limone filtrato
5 g di acqua
1 confezione intera da 12 g di colla di pesce
gelatina perlata rosa per effetto brillante e luccicante

DECORAZIONI CON GLASSA REALE:
glassa reale con cremor tartaro di krikira di cookaround.
1 albume d'uovo
1/4 di cucchianino di cremor tartaro
1/2 cucchiaino di glucosio
icing sugar q.b. o zucchero a velo extra fine

BASE TORTA: 
Nella ciotola della planetaria battete il burro finchè non diventa morbido..













aggiungete lo zucchero poco per volta e fate lavorare la planetaria finché il tutto non si è ben amalgamato, aggiungete l'olio e fate legare bene....
       


aggiungete le uova uno alla volta e il pizzico di sale, finché non diventa una crema, aggiungetevi lo yogurt alla vaniglia e finalmente il colorante rosso ( o blu o viola insomma il colore che vi piace di più o vi serve ).....   






quando il composto avrà raggiunto il colore che vi soddisfa aggiungetevi la farina setacciata e il lievito, mentre la planetaria continua a mescolare, preparate in un bicchierino l'aceto di mele io ho usato quello nel quale avevo preparato la quantità di colore rosso che mi serviva, per questo l'aceto sembra rosso ehehehe....

   
aggiungeteci subito il bicarbonato, vedrete che friggerà, mescolate velocemente e versatelo nella planetaria,

 
a questo punto  versate il composto nelle 3 teglie di dm 24, ed infornate (avendo usato lo sfornattutto, ho infornato una teglia alla volta) in forno statico a 160° C per circa 20 minuti, fate sempre la prova stecchino...tirate fuori fate raffreddare pochi minuti e sfornatela avvolgendola in un telo pulito ben sigillato fino a totale raffreddamento....

    


PREPARAZIONE CREMA:
Nella planetaria versate la panna e fatela montare ben ferma, aggiungetevi poco per volta lo zucchero a velo  fino ad ottenere un composto lucido, poi la philadelfia e  fate legare bene, i semi della bacca di vaniglia ed infine il mascarpone, unite bene il composto e mettetelo per una decina di minuti in frigo.



    


 

scusate la pessima qualità della foto ma me ne sono accorta tardi ;(







Decorso i  10 minuti prendete la base della torta e tagliatela in tanti strati, proprio per farla più alta ho fatto più torte,
  
 dopo di chè prendete lo stampo della torta, sulla base porrete un foglio di carta forno..

   
 ponetevi il primo strato di base, bagnatela se volete con uno sciroppo di acqua e zucchero (a me non piacciono molto le bagne alcoliche) e versatevi sopra la crema,

 

 continuate in questo modo alternando base torta e crema, quando sarete arrivati all'ultimo strato, sfilate lo stampo della torta e ricoprite l'intera torta spalmandola di crema...ponetela in frigo a rapprendersi.....
a questo punto procedete con la pdz settosa  colorata di rosa.....

Stendete la pdz in una sfoglia sottile, prendete la torta dal frigo e ricoprite con questa la torta, lisciate bene i bordi della torta e procedete alla decorazione con la glassa...

  

 



Per la glassa reale:
porre in una ciotola l'albume con il cremor tartaro e con i rebbi di una forchetta sbattere energeticamente affinchè non si creano grumi,
 
 a questo punto con l'aiuto di una planetaria o con le fruste di uno sbattitore elettrico aggiungere l'icing sugar o lo zucchero a velo ed iniziare a montare finché non si ottiene un composto giusto, vedasi foto, solo a questo punto ci si aggiunge il glucosio e si mescola, coprite con pellicola e procedere con i decori in pizzo...per la conservazione potete tenerla fuori dal frigo per qualche giorno, avendo l'accortezza di farla passare da un setaccio prima di usarla....

ecco la foto della giusta consistenza:






 

La cialda l'ho preparata ritagliando dalla pdz bianca un disco, con l'aiuto di uno spillo e con l'aiuto dei patchwork create il disegno che vi piace e lasciate raffreddare il disco e procedete alla sua colorazione usando la glassa e con l'aiuto di un pennello umido sfumate i bordi usando il metodo della  BRUSH EMBROIDERY, lasciate aciugare e per dare un tocco di brillantezza spruzzate la sua superficie con gelatina spray.

  
ponete la cialda ottenuta sulla torta , decorate con la glassa...


  


 


decorare con i decori in pizzo....e i cigni prima di servirla....
















Ed ecco l'interno della torta..........magnificaaaaaaaaaaaaaaaaaaa e buonaaaaaaaaaaaa



PREPARAZIONE DEI CIGNI:
fate ammolare la colla di pesce nell'acqua per almeno una decina di minuti, strizzatela e fatela sciogliere in un pentolino con i 5 g di acqua e versate il composto sopra lo zucchero a velo, aggiungeteci il succo di limone e amalgamate bene tutti gli ingredienti, otterete un impasto simile alla pdz, ma l'unica differenza è che una volta asciutta diventa dura come pietra, ma commestibile....bisogna essere abbastanza veloci nel prepararla in quanto si secca velocemente, qual'ora dovesse essere secca durante la lavorazione bagnatevi un poco le mani e tornerà come prima, durante l'uso quella che non usate tenetela ben avvolta in un sacchetto da frezeer, ma ora il passo passo del cigno..... credo che le foto vi aiuteranno a capire....



 

 

 


 


 
alla fine per dare quell'effetto lucido e brillante con l'aiuto di un pennello spennellare i cigni con la gelatina perlata brillantinata.



































































































5 commenti:

  1. ma che brava, che bella torta passionale brava. :)Rosalba
    quando vuoi passa da me il mio blog ha cambiato link e adesso mi sono nuovamente iscritta e ti seguo

    RispondiElimina
  2. Grazie Rosalba certo ke ci passerò :) ANZI VADO SUBITOOOOOOO

    RispondiElimina
  3. meravigliosamente bellissima!!! meriti un applauso... mamma mia che lavorone!!! un mostro di bravura!!!

    RispondiElimina
  4. Sore grazieeeeeeeeeeeeeeeee...credimi gli invitati erano dubbiosi vedendola rossa eheheheee ma poi quando l'hanno assaggiata hanno fatto il bis!

    RispondiElimina
  5. io non sarei stata per niente dubbiosa, anziiiiiiiiiii....

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.